La vedova allegra chiude in trionfo la Stagione

4 DICEMBRE 21

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram
njegus-e-can-can Una chiusura trionfale per la Stagione lirica dell’Ente Concerti “Marialisa de Carolis”: La vedova allegra di Franz Lehár, per la prima volta inserita nel cartellone della Stagione lirica sassarese, ha colto ieri un pieno successo ieri al Teatro Comunale per la prima delle due recite in programma. Il pubblico ha premiato con dieci minuti di applausi, anche a scena aperta e ritmati con orchestra e cantanti nei passaggi più popolari dell’operetta, la scelta della direzione artistica. Presentata in lingua italiana, con la drammaturgia rivista da Andrea Merli che ha curato la regia dello spettacolo con Renato Bonajuto, la Vedova sassarese nel segno della tradizione vede le scene e i costumi di Artemio Cabassi, le luci di Tony Grandi e le coreografie di Giuliano de Luca, con la partecipazione del Romae Capital Ballet. Tra lustrini e belle époque, valzer e champagne, la regina delle operette – Die lustige Witwe nell’originale tedesco del 1905 – ha divertito il Comunale, grazie anche all’interpretazione dei cantanti che si sono messi in gioco in un capolavoro ormai entrato stabilmente nelle stagioni liriche in tutto il mondo. Nel ruolo del titolo il soprano di origine georgiana Madina Karbeli, sul palco insieme a Vincenzo Nizzardo (Danilo) Francesca Pusceddu (Valencienne), Marco Miglietta (Camille) e Clemente Antonio Daliotti (Zeta). Nel cast tanti giovani alla loro prima “Vedova”: Marco Puggioni (Saint Brioche), William Hernández (Cascada), Matteo Loi (Kromow), Paolo Masala (Bogdanowitsch), Margherita Massidda (Sylviane), Francesco Scalas (Pritschitsch), con Lara Rotili (Olga) e l’aiuto regista Teresa Gargano che ha interpretato Praskowia. Con loro il Njegus di Andrea Binetti, erede di Elio Pandolfi che interpretò questo ruolo infinite volte: proprio all’attore romano, scomparso appena due mesi fa, è stato dedicato un commosso applauso a fine recita. karbeli-nizzardo L’Orchestra dell’Ente Concerti diretta da Sergio Alapont, con i suoi cinquanta elementi, ha dato all’operetta di Lehár il respiro necessario; le tante parti corali sono state affidate al Coro dell’Ente preparato da Antonio Costa. La vedova allegra tornerà al Comunale domani, domenica 5 dicembre, per la recita pomeridiana delle 16,30. È ancora possibile acquistare i biglietti online sul sito enteconcertidecarolis.it o al botteghino del Teatro Comunale, aperto il giorno dello spettacolo dalle 10 alle 13.

L'opera

La vedova allegra

La vedova allegra

Un grande classico mai inserito finora nella Stagione lirica sassarese, è il capolavoro di Franz Lehár. L´operetta in tre parti debuttò nel 1905 a Vienna, in lingua tedesca (Die...

Notizie, eventi, recensioni, rassegna stampa e promozioni delle rappresentazioni.

Articoli