Madama Butterfly

Tragedia giapponese in tre atti di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

1985

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram

La tragica storia di Cio-Cio-San, che attende il ritorno del tenente americano Pinkerton, è uno dei grandi classici del melodramma italiano e una delle opere più viste nella Stagione lirica di Sassari, dove mancava da dieci anni. Puccini la dedicò alla regina d'Italia Elena e andò in scena per la prima volta alla Scala di Milano nel 1904: il pubblico fischiò sonoramente quel capolavoro, probabilmente per un'ostilità studiata dai detrattori del compositore. Il soggetto trae spunto dall'omonima tragedia teatrale di John Luther Long, cui Puccini assistette a Londra, a sua volta ispirata a un racconto di David Belasco. L'edizione sassarese di quell'anno fu un ottimo successo: il regista Beppe De Tomasi decise di proporla in due atti invece dei soliti tre, incontrando l'apprezzamento della critica. Una curiosità: il bimbo era impersonato da Elisabetta Saccu, figlia di Giuseppe, maestro della Polifonica Santa Cecilia impegnata nel coro.

Madama Butterfly

Edizione

Ricordi

Allestimento

Nuovo allestimento

Lingua

Italiano

Personaggi e interpreti

MADAMA BUTTERFLY - Miwako Matsumoto
SUZUKI - Paola Romanò
PINKERTON - Giorgio Tieppo
SHARPLESS - Nelson Portella
KATE PINKERTON - Gigliola Caputi
GORO - Angelo Marchiandi
YAMADORI - Luigi Paolillo
ZIO BONZO - Giancarlo Tosi
IL COMMISSARIO IMPERIALE - Luigi Medda

Direttore d'orchestra

Giacomo Zani

Orchestra

Orchestra sinfonica della Cooperativa Teatro e/o musica - Sassari

Coro

Polifonica Santa Cecilia

Maestro del coro

Giuseppe Saccu

Costumi

Beppe de Tomasi

Scenografia

Beppe de Tomasi

2021

Stagione Lirica

Il programma della Stagione Lirica e Sinfonica 2021 di Sassari curata dall'Ente Concerti Marialisa de Carolis.
Il maggior evento culturale della città, da 78 anni.

Tutte le opere, gli artisti, gli allestimenti delle Stagioni liriche curate dall’Ente Concerti “Marialisa de Carolis”. La Storia dell’Opera a Sassari dal 1952.

Archivio