Cavalleria rusticana

Melodramma in un atto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci

2023

Facebook Twitter Posta elettronica WhatsApp Telegram

Note di regia di Sante Maurizi.
Desiderio, gelosia, sangue: vecchia storia, all´origine di innumerevoli storie. Progressione che nell´Opera si sprigiona dal triangolo tenore-soprano-baritono e che la musica si incarica di rendere accessibile a tutti. Occultando sorniona, con una mossa del cavallo, la propria complessa astrazione. Al culmine dell´intreccio, il duello. Che nel Trovatore – nella Forza del Destino, nell´Eugenio Onegin – alimenta la trama, mentre in Cavalleria la sigilla (fuori campo, tra l´altro). Anche in ciò Mascagni è fedele a Verga nel condensare al massimo l´azione musicale, dall´innesco all´esplosione. È quello che aveva fatto Shakespeare nel Macbeth (il potere in luogo e in nome dell´amore), è quello che fa il cinema grazie al montaggio, con gli stacchi, le dissolvenze e le ellissi. E non è un caso che sia stato proprio il cinema ad aver “adottato” più volte Cavalleria, come dramma e come melodramma. Cosciente appieno dei propri mezzi, fu proprio Verga, in una lettera del 1878 a Luigi Capuana, a riassumere l´oggetto della propria poetica in «quelle lotte che formano la nostra croce e delizia per omnia saecula»: la vita come lotta. Il successo del racconto e poi dell´opera avrebbe fagocitato il resto della sua produzione, e da allora la Sicilia è la terra della passionalità e dell´onore, aranci e fichidindia, coppole e donne “da letto”, come citava Sciascia in «A ciascuno il suo». La mafia – «Il padrino» – è arrivata dopo, e tutto il resto funziona ormai da premessa, fondale decorativo. Fino al mettere in scena, nell´ultimo sequel del Padrino, l´opera di Mascagni stessa come scenario del dramma finale della famiglia Corleone. Sazia del proprio successo, compiuta l´adozione dei modi e delle mode dell´aristocrazia, la borghesia ottocentesca si creò un´Altrove dove sanare le proprie ferite. Se è vero che con Cavalleria cantano in scena per la prima volta gli umili (i vinti verghiani) ci si mise poco a variare la scelta in maniera. Il Meridione prese il posto delle lande turcomanne, dell´Africa o delle isole del Pacifico. L´esotico in veste folklorica, più rassicurante e accessibile (in ciò Sicilia e Sardegna sorelle, pur robustamente dissimili). A tale “cartolina”, più che difficile, è forse inutile tentare di sfuggire. Meglio concentrarsi sul riconnettere il pubblico al teatro, provando a rendere attuale non il soggetto, non il décor, ma l´ascolto e la visione nel tempo materiale della rappresentazione, che – altro pregio dell´opera di Mascagni – coincide con quello della vicenda. Spostando di pochi decenni in avanti l´ambientazione dei fatti, dalle parti del neorealismo. Con l´obiettivo di “asciugare”, eludendo l´attenzione più facilmente “gastronomica” all´opera. E citando quella sorellanza spagnolesca Sicilia-Sardegna con quello che a Cassaro, dalle parti di Siracusa, chiamano U Scontru, e che in Sardegna mettiamo in scena la mattina di Pasqua col nome di S´Incontru.

Cavalleria rusticana

Allestimento

Teatro Massimo V. Bellini di Catania

Lingua

Italiano

Personaggi e interpreti

SANTUZZA - Gabrielle Mouhlen
LOLA - Elena Schirru
TURIDDU - Walter Fraccaro
ALFIO - Marco Caria
LUCIA - Alessandra Palomba

Direttore d'orchestra

Andrea Solinas

Orchestra

Orchestra dell´Ente Concerti "Marialisa de Carolis"

Coro

Coro dell´Ente Concerti "Marialisa de Carolis"

Maestro del coro

Antonio Costa

Luci

Tony Grandi

Notizie / News & rassegna stampa

Cavalleria rusticana incanta il pubblico del Comunale. Applausi a scena aperta e ovazione finale

Teatro gremito per la prima di “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni. Gli infiniti calorosi applausi del pubblico del Comunale, arrivati in diversi momenti della serata anche a scena aperta,...

2023

Stagione Lirica

Il programma della Stagione Lirica e Sinfonica 2023 di Sassari curata dall'Ente Concerti Marialisa de Carolis.
Il maggior evento culturale della città, da 80 anni.

Tutte le opere, gli artisti, gli allestimenti delle Stagioni liriche curate dall’Ente Concerti “Marialisa de Carolis”. La Storia dell’Opera a Sassari dal 1952.

Archivio

Download

Gallery / Le foto della rappresentazione